top of page

Lo stress anche in vacanza?

... la mindfulness ti può aiutare


Stress in vacanza? La mindfulness può aiutare

L'estate è il momento ideale per rilassarsi e recuperare le energie spese durante l'anno. Tuttavia, l'attesa delle vacanze può diventare una fonte di stress per chi ha difficoltà a gestire le aspettative e vive il viaggio come un compito da completare, dove ogni esperienza deve essere pienamente gratificante. Questo eccessivo focus sul successo delle vacanze e sul ritorno imminente può generare ansia, annullando gli effetti benefici del riposo estivo.


Le continue preoccupazioni su eventi negativi e paure per il futuro causano stress e compromettono la consapevolezza delle proprie emozioni, impedendo di godersi il momento presente. Inoltre, l’ossessione per la perfezione e per vivere ogni esperienza al massimo può portare a frustrazione e insoddisfazione costante, rendendo difficile apprezzare le piccole gioie del presente. Questa prospettiva riduce la gratitudine per ciò che accade, concentrandosi solo sugli aspetti negativi e ostacolando la capacità di vivere con gioia il presente.


Una pratica che aiuta a uscire da questo ciclo di ruminazioni e a recuperare il momento presente è la mindfulness. Questa disciplina si compone di metodi e insegnamenti mirati a liberare dalla sofferenza e aumentare la consapevolezza e il benessere personale, derivanti da una maggiore comprensione dei propri stati emotivi e processi cognitivi.


Le radici della mindfulness moderna affondano nella dottrina e nella pratica meditativa buddista, ripresa a partire dal 1979 da Jon Kabat-Zinn, biologo e professore presso la School of Medicine dell'Università del Massachusetts. Kabat-Zinn ha integrato la meditazione e il lavoro su questa consapevolezza in contesti clinici, sviluppando un'ampia gamma di pratiche e interventi oggi noti come mindfulness.


Queste tecniche insegnano a diventare consapevoli dei propri pensieri ed emozioni, riconoscendo le proprie sensazioni senza giudicarle, ma accettandole semplicemente per quello che sono. La mindfulness permette di osservare senza lasciarsi coinvolgere, vivere le esperienze senza reagire impulsivamente e lasciar andare ciò che accade, mantenendo il controllo dell'attenzione.


Attraverso esercizi specifici, la pratica aiuta a prestare attenzione agli stimoli con i propri sensi e a osservare le azioni e le espressioni degli altri. Inoltre, sviluppa la capacità di descrivere e verbalizzare l'esperienza vissuta, identificando e nominando i sentimenti e i pensieri, aumentando la consapevolezza di sé.


In questo modo, le esperienze possono essere vissute pienamente, senza esserne vincolati. La mindfulness insegna ad agire con efficacia e intuizione, facendo ciò che è necessario in ogni situazione e applicando attivamente le abilità apprese. Concentrandosi su ciò che funziona, si valorizzano le competenze presenti e si mantengono chiari gli obiettivi da raggiungere.


Adottando un atteggiamento non giudicante e distinguendo le opinioni dai fatti, è possibile superare le distrazioni derivate da pensieri o emozioni intense e concentrarsi su una cosa alla volta, nel qui ed ora. Accettando l'esperienza presente in ogni suo momento, si riconosce ciò che è utile e salutare senza giudicarlo.


Focalizzandosi sul presente, si possono allontanare i pensieri negativi e le preoccupazioni future, favorendo uno stato di maggiore calma e serenità. La mindfulness aiuta anche a conoscere meglio se stessi, i propri valori e priorità, migliorando l'auto-osservazione e le competenze empatiche e relazionali.


Numerosi studi dimostrano i benefici della mindfulness a livello cognitivo, emotivo, comportamentale e relazionale: migliora la concentrazione, la memoria e l'apprendimento, aiutando a gestire i pensieri intrusivi e a vivere nel presente; facilita la gestione dello stress, dell'ansia e delle emozioni negative, aumentando la capacità di autoregolazione e la resilienza; promuove comportamenti più consapevoli e sani, riducendo impulsività e procrastinazione e favorendo scelte ponderate; infine, migliora la comunicazione, l'empatia e la compassione, permettendo di costruire relazioni più profonde e significative.


In definitiva, la mindfulness è uno strumento prezioso per il benessere psicofisico, offrendo una chiave di accesso a una vita più consapevole, serena e appagante.


 

Se sei interessato ad un percorso che ti porti a conoscere e benficiare dei vantaggi della mindfulness, non esitare a contattarmi.




psicologo gorizia, psicologo trieste, psicologo udine, psicologo on-line, albo psicologi, stress, ansia, problemi relazionali, problemi di coppia, burnout, depressione, crescita personale, motivazione, cambio abitudini, psicologia anti-aging, disturbi alimentari, psicologica dell'alimentazione, psicologo dello sport




Riferimenti bibliografici


Baer, R. A. (2003). Mindfulness training as a clinical intervention: A conceptual and empirical review. Clinical Psychology: Science and Practice, 10(2), 125-143.


Brown, K. W., & Ryan, R. M. (2003). The benefits of being present: Mindfulness and its role in psychological well-being. Journal of Personality and Social Psychology, 84(4), 822-848.


Chiesa, A., & Serretti, A. (2010). A systematic review of neurobiological and clinical features of mindfulness meditations. Psychological Medicine, 40(8), 1239-1252.


Kabat-Zinn, J. (1990). Full Catastrophe Living: Using the Wisdom of Your Body and Mind to Face Stress, Pain, and Illness. New York: Delacorte.


Kabat-Zinn, J. (1994). Wherever You Go, There You Are: Mindfulness Meditation in Everyday Life. New York: Hyperion.


Kabat-Zinn, J. (2003). Mindfulness-Based Interventions in Context: Past, Present, and Future. Clinical Psychology: Science and Practice, 10(2), 144-156.


Kabat-Zinn, J. (2013). Mindfulness for Beginners: Reclaiming the Present Moment—and Your Life. Boulder, CO: Sounds True.


Shapiro, S. L., Carlson, L. E., Astin, J. A., & Freedman, B. (2006). Mechanisms of mindfulness. Journal of Clinical Psychology, 62(3), 373-386.


Comments


bottom of page