Il sano egoismo

Aggiornato il: gen 23



Nel nostro quotidiano, la parola egoismo ha una accezione soltanto negativa.


È qualcosa che ci indica un comportamento che ci hanno insegnato essere sbagliato e soprattutto frainteso nelle sue sfumature. Perché non esiste solo l’egoismo sbagliato, il pensare solo a noi, azzerando l’altruismo. Ne esiste una sfumatura sana. È quel qualcosa che facciamo per noi, una terapia personale.


Dovremmo, a questo proposito, ritagliarci del tempo che sia solo nostro. Un’isola di pace nel continuo tartassamento della società moderna.


Potremmo chiamarla la nostra “ora sacra”. Sessanta minuti di respiro dal ritmo e dalle responsabilità del quotidiano, perché i motivi per farlo sono tutt’altro che egoistici. Fai quello che vuoi, passeggia, leggi un libro, fai meditazione, va a correre in bici o vai in palestra. Fai quello che più ti piace.


Se si sta bene con se stessi si sta bene anche con gli altri. Spesso inondiamo chi ci circonda, del nostro stress e delle nostre preoccupazioni, minando la serena convivenza.

Stando da solo imparerai, o meglio re-imparerai ad ascoltare il tuo corpo e la tua mente e a comprendere le loro esigenze.


Sessanta minuti al giorno ti basteranno per uscire dall’automatismo del quotidiano, per togliere il "pilota automatico” e goderti di nuovo il presente, il “qui e ora”.


Potrai riscoprire le tue passioni e sentirti vivo insieme ad esse, arricchendoti della felicità che queste ti provocano.


Alla fine di tutto capirai che la vera felicità inizia sempre da se stessi e imparerai a non farti influenzare da quello che gli altri vogliono che tu sia.


#psicologiapositiva #crescitapersonale #armonia