top of page

FOMO e BOFO

... sfuggire alla trappola del sentirsi sempre indietro

FOMO e BOFO


Nell'era iperconnessa odierna, dove la nostra vita sociale si svolge in gran parte online, due fenomeni psicologici stanno diventando sempre più comuni: la FOMO (Fear of Missing Out) e la BOFO (Better Off FOMO o anche Best Options Fear).


FOMO: La paura di perdersi qualcosa


La FOMO, acronimo di Fear of Missing Out, si riferisce alla sensazione di ansia e disagio che deriva dalla percezione di perdersi esperienze divertenti o interessanti che stanno vivendo gli altri.


Questa sensazione è alimentata dai social media, che ci offrono una finestra costante sulle vite degli altri, spesso mostrandoci solo i lati più positivi e entusiasmanti. Questo può portare a un paragone sociale negativo, facendoci sentire inadeguati e insoddisfatti della nostra vita.


BOFO: Il timore di aver fatto la scelta sbagliata


La BOFO, che sta per Better Off FOMO (o anche Best option fear), è strettamente legata alla FOMO, ma si concentra sulla paura di aver fatto la scelta sbagliata.


Ci tormenta il pensiero che gli altri, avendo scelto diversamente, stiano vivendo esperienze migliori. Questo può portare a un senso di rimorso e insoddisfazione per le nostre scelte, impedendoci di goderci appieno il presente.


L'impatto psicologico della FOMO e della BOFO


FOMO e BOFO possono avere un impatto significativo sul nostro benessere mentale, causando:


  • Ansia e stress: La costante preoccupazione di perdersi qualcosa o di aver fatto la scelta sbagliata può portare a un aumento dei livelli di ansia e stress.

  • Bassa autostima: Il paragone sociale negativo con le vite apparentemente perfette degli altri può portare a una diminuzione dell'autostima e a una sensazione di inadeguatezza.

  • Depressione: Nei casi più gravi, FOMO e BOFO possono contribuire all'insorgenza di sintomi depressivi.

  • Comportamenti compulsivi: Per combattere la paura di sentirsi esclusi, alcuni individui possono sviluppare comportamenti compulsivi, come la dipendenza dai social media o l'acquisto compulsivo.


Come affrontare FOMO e BOFO


La buona notizia è che ci sono diverse strategie che possiamo adottare per affrontare FOMO e BOFO:


  • Limitare l'uso dei social media: Ridurre il tempo trascorso sui social media può aiutare a diminuire l'esposizione a contenuti che possono alimentare la FOMO e la BOFO.

  • Concentrarsi sul presente: Invece di soffermarci su ciò che ci perdiamo o su ciò che gli altri stanno facendo, è importante concentrarci sul presente e apprezzare le esperienze che stiamo vivendo.

  • Praticare la gratitudine: Prendere il tempo per riflettere sulle cose positive della nostra vita può aiutarci a sviluppare una maggiore gratitudine e a contrastare i sentimenti negativi.

  • Coltivare relazioni autentiche: Invece di confrontarci con le vite online idealizzate degli altri, è importante concentrarci sul coltivare relazioni autentiche e significative con le persone che ci circondano.

  • Imparare a dire di no: Imparare a dire di no a impegni e richieste che non ci interessano o che ci stressano può aiutarci a proteggere il nostro tempo e la nostra energia.

  • Riconoscere i nostri successi: È importante riconoscere e celebrare i nostri successi, grandi e piccoli, per rafforzare la nostra autostima e la nostra fiducia in noi stessi.

  • Cercare aiuto professionale: Se FOMO e BOFO stanno causando un significativo disagio nella nostra vita, è importante cercare l'aiuto di un professionista della salute mentale.


Conclusioni


FOMO e BOFO sono fenomeni comuni che possono avere un impatto negativo sul nostro benessere mentale. Tuttavia, con le giuste strategie, possiamo imparare a gestirli e a vivere una vita più appagante e soddisfacente.


Ricorda, la vita non è una gara. Concentrati su ciò che è importante per te e vivi la tua vita al meglio.


 

Se la paura di non riuscire ad avere una vita piena ti condiziona e non ti fa essere felice, non esitare a contattarmi.




psicologo gorizia, psicologo trieste, psicologo udine, psicologo on-line, albo psicologi, stress, ansia, problemi relazionali, problemi di coppia, burnout, depressione, crescita personale, motivazione, cambio abitudini, psicologia anti-aging, disturbi alimentari, psicologica dell'alimentazione, psicologo dello sport




Riferimenti bibliografici


FOMO (Fear of Missing Out)


Przybylski, K., & Weinstein, N. (2013). Can you stay off Facebook? Self-regulation of Facebook use and its implications for well-being.** Journal of Personality and Social Psychology, 105(3), 436-453.


Kessler, E. C., McKenna, K. Y. A., & Sheldon, K. M. (2016). FOMO: A longitudinal examination of antecedents and consequences.** Journal of Social and Clinical Psychology, 35(2), 182-198.


Ahmed, S., & Hamed, K. (2018). The impact of fear of missing out (FOMO) on brand engagement and purchase intention in social media marketing.** Journal of Advertising, 47(3), 315-331.


BOFO (Better Off FOMO)


Kim, A. J., & Wakefield, J. C. (2018). Better off FOMO: The fear of missing out on better experiences.** Journal of Consumer Research, 45(3), 599-616.


Wang, Y., Lin, H., & Lin, C. (2020). The role of envy in better off FOMO: A cross-cultural study.** Journal of Business Research, 123, 332-343.


Hartmann, T., & Stieger, T. (2021). The impact of better off FOMO on decision-making and regret: The moderating role of regret proneness and decision-making style.** Journal of Consumer Behavior, 50(2), 222-236.

Comments


bottom of page