top of page

Coerenza Cardiaca

... una Guida per la gestione dello stress e dell'ansia

Coerenza cardiaca


La coerenza cardiaca è un concetto sempre più riconosciuto nel campo della salute mentale e del benessere. Si riferisce alla capacità di sincronizzare i battiti cardiaci con il respiro, creando uno stato di equilibrio e coerenza tra il cuore e il cervello. Questa pratica, che coinvolge la respirazione controllata, ha dimostrato di essere efficace nella gestione dello stress, dell'ansia, degli attacchi di panico e persino della depressione. Pertanto è bene lavorare sulla coerenza cardiaca per battere stress e ansia.


Cos'è la Coerenza Cardiaca e Come Funziona?


La coerenza cardiaca si basa sull'idea che il cuore e il cervello siano strettamente interconnessi attraverso il sistema nervoso autonomo. Quando siamo stressati o ansiosi, diminuisce la variabilità cardiaca, influenzando negativamente il funzionamento del cervello e viceversa. La pratica della coerenza cardiaca mira a creare un'armonia tra il cuore e il cervello attraverso la regolazione della respirazione.


La tecnica di base consiste nel respirare in modo ritmico e regolare, concentrandosi sulla respirazione diaframmatica. Si tratta di inspirare per un certo numero di secondi e poi espirare per lo stesso numero di secondi, mantenendo un ritmo costante e uniforme. Questo tipo di respirazione induce uno stato di rilassamento e calma, che si riflette nel ritmo cardiaco coerente e armonioso.


Solitamente si utilizzano delle app appositamente predisposte che servono anche a definire i tempi, che possono essere variabili da individuo a individuo e devono essere ricercati per via empirica.



Utilizzo della Coerenza Cardiaca per la Gestione dello Stress e dell'Ansia


La coerenza cardiaca è diventata sempre più popolare come metodo di gestione dello stress e dell'ansia, poiché offre un approccio naturale e non invasivo per ripristinare l'equilibrio mentale ed emotivo. Numerosi studi hanno dimostrato che la pratica regolare della coerenza cardiaca può ridurre i livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, e migliorare il benessere generale.


Per coloro che soffrono di ansia e attacchi di panico, la coerenza cardiaca può essere particolarmente utile. La respirazione controllata aiuta a interrompere il ciclo di iperventilazione associato agli attacchi di panico, riducendo i sintomi fisici e calmare la mente. Inoltre, la pratica costante della coerenza cardiaca può aumentare la resilienza allo stress, consentendo alle persone di gestire meglio le situazioni stressanti nella vita quotidiana.



Applicazioni della Coerenza Cardiaca nella Depressione


Anche nella depressione, la coerenza cardiaca può offrire benefici significativi. La respirazione regolare e controllata aiuta a ridurre i livelli di ansia e tensione, che sono spesso associati alla depressione. Inoltre, la creazione di uno stato di coerenza tra il cuore e il cervello può influenzare positivamente l'umore e migliorare la prospettiva emotiva complessiva.



Conclusioni


La coerenza cardiaca è una pratica semplice ma potente che può migliorare notevolmente il benessere emotivo e mentale. Attraverso la respirazione controllata e la sincronizzazione dei battiti cardiaci, è possibile ridurre lo stress, l'ansia, gli attacchi di panico e persino la depressione. Incorporare la coerenza cardiaca nella routine quotidiana può portare a una maggiore calma, chiarezza mentale e resilienza emotiva, consentendo di affrontare meglio le sfide della vita con serenità e fiducia.


 

Se hai problemi di stress, ansia, attacchi di panico, stati depressivi, e vorresti provare a risolverli con la coerenza cardiaca, non esitare a contattarmi.




psicologo gorizia, psicologo trieste, psicologo udine, psicologo on-line, albo psicologi, stress, ansia, problemi relazionali, problemi di coppia, burnout, depressione, crescita personale, motivazione, cambio abitudini, psicologia anti-aging, disturbi alimentari, psicologica dell'alimentazione, psicologo dello sport




Riferimenti bibliografici


Caldwell, Y. T., & Steffen, P. R. (2018). Adding HRV biofeedback to psychotherapy increases heart rate variability and improves the treatment of major depressive disorder. International Journal of Psychophysiology, 131, 96-101.


Chalmers, J. A., Quintana, D. S., Abbott, M. J., & Kemp, A. H. (2014). Anxiety disorders are associated with reduced heart rate variability: a meta-analysis. Frontiers in psychiatry, 5, 80.


Lehrer, P. M., & Gevirtz, R. (2014). Heart rate variability biofeedback: how and why does it work?. Frontiers in psychology, 5, 756.


McCraty, R., & Shaffer, F. (2015). Heart rate variability: new perspectives on physiological mechanisms, assessment of self-regulatory capacity, and health risk. Global Advances in Health and Medicine, 4(1), 46-61.


O'Hare D. (2020) Coerenza Cardiaca 365 Ed. Gruppo Macro


Shaffer, F., & Meehan, Z. M. (2021). A practical guide to resonance frequency assessment for heart rate variability biofeedback. Biofeedback, 49(3), 100-106.


Vaschillo, E., Lehrer, P., Rishe, N., & Konstantinov, M. (2002). Heart rate variability biofeedback as a method for assessing baroreflex function: a preliminary study of resonance in the cardiovascular system. Applied Psychophysiology and Biofeedback, 27(1), 1-27.


Zucker, T. L., Samuelson, K. W., Muench, F., Greenberg, M. A., & Gevirtz, R. N. (2009). The effects of respiratory sinus arrhythmia biofeedback on heart rate variability and posttraumatic stress disorder symptoms: a pilot study. Applied psychophysiology and biofeedback, 34(2), 135-143.





Comments


bottom of page