top of page

La realtà virtuale in psicologia

Aggiornamento: 27 mar 2023



La realtà virtuale che molti di noi conoscono soprattutto per l’applicazione nel campo dei videogiochi, è in realtà uno strumento molto potente che può essere sfruttato positivamente in moltissimi settori, anche in quello psicologico, principalmente per la gestione degli stati d’ansia.


Oltre alla gestione degli stati d’ansia, può anche essere di grande aiuto sulla componente ansioso-fobica di disturbi di varia natura, come la claustrofobia, l’agorafobia, la paura del buio, la paura delle altezze e l’aerofobia, l’amaxofobia (paura di guidare), la entomofobia (paura degli insetti), la paura degli aghi o la paura di parlare in pubblico.


Nel contesto di un percorso psicologico e psicoterapeutico, la realtà virtuale permette ai pazienti di cimentarsi con la situazione temuta, in un ambiente protetto, senza correre alcun rischio.


La classica tecnica terapeutica comportamentale, di esporre gradualmente il paziente allo stimolo che scatena la sua fobia, con lo scopo di familiarizzare progressivamente con ciò che teme, viene assolutamente agevolata dall’utilizzo della realtà virtuale.

Le successive esposizioni progressive, permettono di aumentare la sua sicurezza e la sua capacità di correre un rischio controllato in un setting terapeutico di assoluta protezione per il paziente.


La simulazione del mondo reale permette il pieno controllo della situazione da parte del professionista, che può utilizzare la realtà virtuale in applicazioni di psicologia clinica, programmando una grandissima varietà di protocolli scientifici, a seconda del caso da trattare.


Dopo una attività di psicoformazione, per spiegare al paziente il funzionamento del visore, avviene l’immersione in uno scenario rilassante, all’interno del quale può iniziare a praticare strategie di gestione dell’ansia, come la respirazione controllata e il rilassamento muscolare.


Successivamente, in modo graduale, si procederà con l’esposizione allo scenario temuto.

Sarà necessario creare situazioni d’ansia leggermente crescenti, in modo che il paziente si abitui a gestire la propri ansia in modo graduale, cercando di applicare le tecniche di rilassamento all’interno del setting.


Come si può immediatamente comprendere, il vantaggio fondamentale nell’uso della realtà virtuale è rappresentato dalla possibilità offerta al paziente di fronteggiare le proprie paure, in un ambiente assolutamente protetto, permettendogli di gestire quelle situazioni che, normalmente, sono elevate fonti di stress.


In questa situazione, il paziente può beneficiare degli effetti della propria prestazione, con ripercussioni positive sul suo senso di autoefficacia.


L’uso della realtà virtuale può facilitare e accorciare un percorso della terapia cognitivo-comportamentale poiché si sostituisce alla difficile riproduzione reale dello stimolo fobico.


Inoltre l’immersione in una situazione virtuale, supplisce l’eventuale mancanza di immaginazione di quelle persone che non riescono a visualizzarsi nella situazione temuta.


Oltre a queste applicazioni, la realtà virtuale permette, in accoppiamento con l’utilizzo di strumenti di biofeedback e di neurofeedback, di potenziare i training di rilassamento per la gestione dello stress e l’ansia, facilitando l’apprendimento delle tecniche di respirazione diaframmatica e di rilassamento muscolare.


 

Se vuoi provare un percorso psicologico per lo stress, l'ansia o gli attacchi di panico, supportato dall'uso della realtà virtuale, non esitare a contattarmi.




psicologo gorizia, psicologo trieste, psicologo udine, psicologo on-line, albo psicologi, stress, ansia, problemi relazionali, problemi di coppia, burnout, depressione, crescita personale, motivazione, cambio abitudini, psicologia anti-aging, disturbi alimentari, psicologica dell'alimentazione, psicologo dello sport




Riferimenti bibliografici


Riva, G., Botella, C., Legeron, P., & Optale, G. (Eds.), Cybertherapy: Internet and Virtual Reality as Assessment and Rehabilitation Tools for Clinical Psychology and Neuroscience. Amsterdam: IOS Press. Riva, G. (2005). Virtual Reality in Psychotherapy: Review. CyberPsychology & Behavior, 8(3), 220-240.


Pallavicini F., Psicologia della realtà virtuale. Aspetti tecnologici, teorie e applicazioni per il benessere mentale, Mondadori Università, 2020


Riva, G., Bacchetta, M., Baruffi, M., & Molinari, E., Virtual Reality-Based Multidimensional Therapy for the Treatment of Body Image Disturbances in Obesity: A Controlled Study, CyberPsychology & Behavior, 4(4), 511-526, 2001


Riva, G., Bacchetta, M., Baruffi, M., Rinaldi, S., & Molinari, E., Virtual reality based experiential cognitive treatment of anorexia nervosa, Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 30(3), 221-230. 1999


Riva G., Raspelli S., Pallavicini F., Grassi A., Algeri D. , Wiederhold B. K. , Gaggioli A., Interrealtà nella gestione dello stress psicologico: uno scenario clinico, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20543263/


Vincelli, F., Riva, G., & Molinari, E. (Eds.). La realtà virtuale in psicologia clinica. Nuovi percorsi di intervento nel disturbo di panico con agorafobia, pp. 67-92. Milano: McGraw-Hill, 2007


Wiederhold, B. K., Wiederhold, M. D., Virtual Reality as a Tool in Early Interventions. In Human Dimensions in Military Operations – Military Leaders’ Strategies for Addressing Stress and Psychological Support (pp. 45/1-8). Neuilly-sur-Seine, France: RTO, 2006

댓글 2개


게스트
2021년 12월 01일

Bellissima questa tecnologia, ma la usate nel vostro studio?

좋아요
dott. Rodolfo Vittori
dott. Rodolfo Vittori
2021년 12월 01일
답글 상대:

Si certamente, la utilizzo per diversi disagi e anche per percorsi di crescita o per semplice rilassamento

좋아요
bottom of page