Batti il ferro finché è caldo

Aggiornato il: mar 9


Ci siamo sempre detti che, per raggiungere un qualsiasi obiettivo della propria vita, è necessaria la sua pianificazione, ma ci siamo mai chiesti dove finisce la prudenza e dove questa si trasforma in paralisi dell’azione?


Il raggiungimento di un nuovo obiettivo, il completamento di un nuovo progetto nella propria vita, rappresentano sempre un cambiamento dello stato di fatto, una uscita dalla propria zona di comfort. Rappresenta, pertanto, l’assunzione di un rischio, la consapevolezza che se non andrà a buon fine, ci si potrebbe far male, si potrebbe rischiare il fallimento, ma nel contempo si imparerebbero lezioni preziose.


Anche nel peggiore dei casi, sarà comunque sempre un passo in avanti nella conoscenza e nel proprio miglioramento personale.


Pertanto, qualunque cosa si voglia fare nel prossimo futuro, non bisogna farsi fermare dalla mancanza di autostima o dalla troppa prudenza.

È necessario liberarsi dalle paure e dalle incertezze, e avere il coraggio di fare un vero passo avanti verso il miglioramento.


Il momento perfetto per agire è ora. Non serve dare spazio alle incertezze, ai mille controlli, alle troppo minuziose analisi dei rischi. Non ci sarà mai un momento in cui ci sentiremo completamente preparati a farlo. Il cambiamento del lavoro, una dieta, la chiusura di una relazione tossica. Non serve stare lì a rimuginare su quello che si rischia di perdere. In caso contrario, non ci sarebbe alcuna differenza tra le novità e la nostra attuale zona di comfort. I piani sono sicuramente necessari, ma se c’è la motivazione a intraprendere una nuova strada, non bisogna esitare a colpire il ferro finché è caldo. Questo rappresenta il vero apprendimento.

#cambiamento #motivazione #pianificazione